Ecco perché stiamo provando i mod a pagamento di Skyrim su Steam

skyrim-creationkit-steamworkshop-forblog_v2

Aggiornamento: dopo averne parlato con Valve e aver ascoltato i nostri giocatori, i mod a pagamento verranno rimossi dallo Steam Workshop. Nonostante fossimo partiti con le migliori intenzioni, il responso è stato chiaro: questa non è una funzionalità che voi desiderate. Il vostro supporto significa tutto per noi, è per questo che vi ascoltiamo.

 

 

Riteniamo che gli sviluppatori di mod siano sviluppatori in senso stretto. Ci piace l’idea che Valve abbia dato alla community la possibilità di ricompensarli, e vogliamo offrire questa opportunità ai nostri giocatori. Vogliamo ascoltare il vostro feedback e ad apportare le modifiche necessarie.

Abbiamo alle spalle una lunga storia di modding, cominciata nel 2002 con The Elder Scrolls Construction Set. Crediamo che i nostri giochi diventino qualcosa di più se vi offriamo la possibilità di sentirli vostri. Anche se non avete mai provato un mod, l’idea di poter fare qualsiasi cosa è alla base della nostra idea di gioco. Nel corso degli anni abbiamo incontrato difficoltà in termini di tempo e attenzioni nel rendere i nostri giochi ampiamente modificabili. Tempo, costi e ostacoli legali non hanno reso la cosa semplice. Il modding è uno dei motivi per cui la classificazione di Oblivion è passata da T (dai 13 anni in su) a M (dai 17 anni in su), costandoci milioni di dollari. Mentre altri protagonisti dell’industria videoludica si sono tenuti alla larga da questo ambito, noi abbiamo sempre deciso di continuare sulla nostra strada.

Da sempre cerchiamo nuovi modi di espandere il concetto di modding. I nostri amici di Valve condividono molte delle nostre idee e hanno creato lo Steam Workshop insieme a noi nel 2012 per Skyrim, rendendo più facile la ricerca e il download dei mod. Grazie a Skyrim Nexus e ad altri siti, i nostri giocatori possono procurarsi tantissimi mod.

Nonostante tutto però, per noi si può fare ancora di più. Solo l’8% dei giocatori di Skyrim ha provato a usare un mod e meno dell’1% ne ha creato uno.

Nelle discussioni preliminari con Valve riguardanti il Workshop, ci fornirono dati che evidenziavano le conseguenze dei contenuti creati dagli utenti a pagamento sui loro giochi, i loro giocatori e i loro modder. Conseguenze estremamente positive. In sintesi, permettere ai creatori di contenuti di guadagnare qualcosa aumentava la qualità e la scelta destinate ai giocatori. Ci chiesero se volevamo fare lo stesso.

Era il 2012 e i dubbi non mancavano, ma una cosa era certa: doveva essere un sistema “aperto”, non controllato come i modelli di business attuali. Nella storia del “nostro” modding, più volte abbiamo avuto l’opportunità di esercitare il controllo e abbiamo sempre deciso di non farlo. Volevamo che fossero i nostri giocatori a decidere cos’è bello o brutto, giusto o sbagliato. Non avremmo giudicato le loro scelte. Per questo motivo, siamo molto cauti anche nel dedicare spazio ai singoli modder su questo blog.

Tre anni dopo Valve ha finalmente risolto le questioni tecniche legali per rendere possibile tutto questo, e dovremmo complimentarci con loro. Non è stato facile. Non costringono né noi né altri editori a farlo. Stanno dando una nuova e interessante possibilità a tutti.

Crediamo che la maggior parte dei mod dovrebbe essere gratuita. Allo stesso tempo, riteniamo che la nostra community abbia il desiderio di ricompensare i modder migliori perché se lo meritano. Crediamo che meritino di essere pagati per il loro lavoro e trattati da autentici sviluppatori. Tuttavia, non ci sembra giusto decidere chi siano i migliori o giudicare le loro creazioni.

Inoltre, non dobbiamo essere noi a dire allo sviluppatore che prezzo applicare. È una sua decisione, e sta al giocatore valutare se il prezzo è giusto. Anche noi abbiamo affrontato questo genere di questioni internamente, con il nostro primo contenuto scaricabile, Horse Armor. Horse Armor ci ha permesso di esplorare un territorio nuovo e di offrire ai nostri giocatori contenuti scaricabili di qualità come Shivering Isles, Point Lookout, Dragonborn e tanti altri. Ci auguriamo che i modder facciano lo stesso.

Inaugurare un mercato come questo è complesso. I problemi sono gli stessi affrontati da tutti gli sviluppatori (assistenza, furto di idee, ecc.), e anche le soluzioni sono le stesse. In questo senso, Valve ha fatto un ottimo lavoro, ma nasceranno nuovi problemi che sicuramente poi verranno risolti. Se il sistema ha bisogno di un controllo dall’alto, lo terremo in considerazione. Ma solo come ultima risorsa.

Sicuramente ci sono altri modi di sostenere i modder, tramite donazioni e altre opzioni. Noi li appoggiamo tutti. Un modo non è migliore dell’altro e vogliamo che la scelta sia della community. Tuttavia, un popolare sviluppatore di mod ha guadagnato di più con il Workshop a pagamento in un solo giorno che non grazie alle donazioni nel corso di anni.

Condivisione dei ricavi

In molti si sono interrogati sulla divisione dei ricavi di un’operazione come questa. Ne possiamo parlare. Non riteniamo che sia necessariamente perfetta, ma possiamo spiegarvi come ci siamo arrivati.

Valve prende il 30%. Questa è una percentuale standard tra tutti i distributori digitali e pensiamo che Valve se la meriti. In questo ambito, non abbiamo voce in capitolo.

La percentuale restante è così suddivisa: il 25% al modder e il 45% a noi. Qui siamo noi a decidere le percentuali, non Valve.

È una suddivisione onesta? Si potrebbe pensare di cambiarla, aumentando da una parte e togliendo dall’altra. Attualmente è lo standard dell’industria, e si è rivelato vincente sia nell’ambito dei giochi gratuiti che di quelli a pagamento. Dopo varie discussioni e ricerche con Valve, abbiamo convenuto che sarebbe stato un buon punto di partenza.

Questo non è un piano per fare più soldi possibile. Questo fine settimana, quando Skyrim era gratuito per tutti, le vendite dei mod hanno rappresentato meno dell’1% dei nostri ricavi tramite Steam.

Stabilire le percentuali significa assegnare un valore a una relazione commerciale. Come valutiamo una licenza di proprietà intellettuale aperta a tutti? La base dei giocatori attivi e il pubblico interessato? Gli ulteriori anni spesi a rendere il gioco aperto e a creare gli strumenti di sviluppo? Il gioco originale che viene modificato? Perfino ora, al 25% e dati di vendita preliminari alla mano, notiamo che alcuni modder stanno guadagnando più dei membri dello studio i cui contenuti sono stati modificati.

Guardiamo anche altrove per capire come funzionano le licenze di proprietà intellettuale aperte. Per esempio, Kindle Worlds di Amazon, dove si può pubblicare la propria opera e ricevere dal 15 al 25%. Ma in questo caso parliamo di una licenza di proprietà intellettuale pura, senza contenuti o strumenti messi a disposizione.

La percentuale del 25% ha funzionato su Steam per anni, e attualmente è la nostra migliore opzione. Presto su Steam arriveranno altri giochi con mod a pagamento: per alcuni ci sarà la percentuale del 25% e per altri no. Con il tempo capiremo cosa è giusto per noi e per la nostra community. Se qualcosa va cambiato, lo faremo.

La paura più grande della community

Quanto segue è molto importante per noi e ci preoccupa non poco. Nonostante la nostra esistenza possa sembrare estranea alla community, in realtà ne facciamo parte. Non veniamo al lavoro, finiamo la giornata e “stacchiamo”. Comprendiamo le potenziali conseguenze a lungo termine della possibilità di pagare per i mod. Pensiamo che molti mod siano eccellenti. Alcuni molto meno. Alcuni, ancora, potrebbero danneggiare quello che abbiamo impiegato così tanto a costruire. Abbiamo investito e rischiato, tanto quanto i giocatori.

Alcuni temono che tutta questa faccenda porterà a un mondo in cui i mod saranno legati a un sistema chiuso, protetti da DRM (restrizioni digitali) e non accessibili liberamente. Questo è l’esatto contrario di quello per cui lavoriamo. Non solo vogliamo sempre più mod più facili da fruire, ma vogliamo anche confermare la nostra avversione per il DRM. Molti non lo sanno, ma i nostri DLC di Skyrim non hanno DRM. Abbiamo pubblicato Oblivion senza DRM perché non ci piaceva il modo in cui influenzava il gioco.

Ci sono cose che possiamo controllare e altre su cui non abbiamo il controllo. Noi crediamo nella community. Sarà la community a decidere come funzionerà il mondo del modding. Riteniamo sia importante offrire una scelta che non c’è mai stata.

Faremo il possibile per mantenere la nostra community e i nostri giochi al meglio. Ci auguriamo che anche voi facciate lo stesso.

Bethesda Game Studios

 

 

Weekend Skyrim: gratis è meglio!

image001In occasione degli aggiornamenti recentemente annunciati sullo Skyrim Workshop, The Elder Scrolls V: Skyrim diventa più accessibile che mai. Accessibile gratuitamente!

Se non possiedi già Skyrim, tra oggi (23/4/2015, ore 19) e lunedì alle 19 potrai scaricare la versione base gratuitamente e giocarci quanto desideri. Potrai anche scaricare i mod gratuititi dal Workshop per divertirti ancora di più.

Poter giocare gratis non è l’unica sorpresa: questo fine settimana sono anche previsti vari sconti su tutti i contenuti relativi a Skyrim. Le offerte includono:

  • Skyrim Legendary Edition: sconto del 66% /$39.99 o $13.60
  • Skyrim gioco base: sconto del 75% /$19.99 o $5
  • Dawnguard: sconto del 62,5% /$19.99 o $7.50
  • Dragonborn: sconto del 62,5% /$19.99 o $7.50
  • Hearthfire: sconto del 50% /$4.99 o $2.50

Nota: per avere accesso ai mod a pagamento, è necessario aver acquistato una copia di Skyrim.

Lo Skyrim Workshop ora supporta i mod a pagamento

skyrim-creationkit-steamworkshop-forblog_v2

Il nostro rapporto con gli amici di Valve è sempre stato eccellente. Abbiamo collaborato per rendere il Workshop una parte fondamentale di Skyrim e siamo entusiasti perché qualcosa a cui ci dedichiamo da tempo è finalmente diventato realtà. Ora potrete far pagare per i mod che create.

A differenza di altri giochi su Steam che permettono agli utenti di vendere le proprie creazioni, questo sarà il primo titolo con un mercato aperto. Non sarà controllato né da noi né da Valve. Era essenziale che i nostri fan potessero decidere cosa creare, cosa scaricare e cosa vendere.

Molti fan modificano i nostri giochi dai tempi di Morrowind, ovvero da più di 10 anni. Ora hanno la possibilità di guadagnare attraverso la loro passione, mentre gli altri hanno a disposizione un nuovo modo di sostenere gli autori preferiti. Abbiamo aggiornato Skyrim e il Creation Kit con nuove funzionalità per sostenere i mod a pagamento, inclusa la possibilità di caricare master file, aggiungere altre categorie e rimuovere le restrizioni sulla dimensione dei file.

Questo cosa significa?

Come modder, potete proporre la vostra creazione al prezzo da voi stabilito, oppure potete continuare a condividere i vostri progetti gratuitamente. Per chi acquista i nuovi mod, Valve permetterà di provare qualsiasi mod senza alcun rischio. <link to refund policy>

Per maggiori dettagli sui cambiamenti nello Skyrim Workshop, date un’occhiata alla pagina di presentazione su Steam e alle FAQ.

Il modding è sempre stato molto importante per i nostri giochi. Proviamo a creare mondi “vivi”, che possiate sentire vostri, e nel modding questo intento si realizza pienamente. Grazie ancora per il vostro sostegno. Speriamo che iniziative del genere possano portare nuova vita in Skyrim per tutti.

Bethesda Game Studios

Skyrim Modding – Intervista – Pirates of Skyrim

Screen_Shot94

La nuova intervista sul modding vi piacerà molto. Questa settimana parliamo con BigBizkit, responsabile del popolare mod Pirates of Skyrim.

Cosa fai per vivere?

Il pirata.

Da quali opere sui pirati hai preso spunto per la tua creazione?

Non mi sono ispirato a qualcosa in particolare, ma principalmente all’atmosfera dell’età dell’oro dell’esplorazione. Erano tempi in cui non si salpava semplicemente per raggiungere specifici luoghi, ma soprattutto per scoprire nuovi posti e nuove rotte ancora inesplorate (dagli europei). I tempi in cui gli stati marittimi come Olanda, Portogallo e Spagna erano potenze mondiali grazie alle loro imponenti flotte. Oltre a questo, ci sarebbe anche quella famosa serie di film campioni di incassi… quattro film e uno attualmente in lavorazione. Non voglio esprimere un giudizio sulla qualità dei film, ma sicuramente hanno contribuito ad alimentare il nostro immaginario sulla vita dei pirati. Riguardo ai giochi, una grande fonte d’ispirazione è stata ed è la serie classica “Monkey Island”, soprattutto il primo e il secondo gioco. E c’è anche questo gioco piuttosto recente che ha “Black Flag” nel titolo… forse ne avete sentito parlare.

Continue reading full article ›

Niente più limiti per i file dello Skyrim Workshop!

skyrim-creation-kit1Sono in arrivo mod sempre più grandi nello Skyrim Workshop di Steam. Questa settimana abbiamo rimosso il limite di 100 MB, sarà così possibile caricare mod delle dimensioni necessarie per ogni progetto!

Prima di rendere la funzionalità disponibile a tutti, ci sarà un periodo di Beta Testing in questa settimana (sia per il programma di avvio di Skyrim sia per il Creation Kit su PC).

Qui sotto i dettagli…

Aggiornamento – Creation Kit 1.9.33

  • Il Creation Kit ora supporta mod di qualsiasi dimensione sullo Steam Workshop.
  • L’immagine di anteprima non deve essere più grande di 1 MB.

Programma di avvio di Skyrim

  • Il programma di avvio di Skyrim non scarica più i mod dallo Steam Workshop. I download sono gestiti dal client di Steam. Il programma di avvio di Skyrim provvede ad aggiornare il gioco al termine del download da parte del client di Steam.

Per partecipare alla Beta, basta seguire i passaggi indicati nel client di Steam:

  • Accedere a Steam.
  • Cliccare sulla libreria di gioco.
  • Cliccare con il pulsante destro del mouse su The Elder Scrolls V: Skyrim e selezionare Proprietà.
  • Cliccare sulla scheda Beta e selezionare beta – Skyrim Beta nel menu a tendina.
  • Nella libreria, accedere a Strumenti nel menu a tendina.
  • Cliccare con il pulsante destro del mouse su Creation Kit e selezionare Proprietà.
  • Cliccare sulla scheda Beta e selezionare beta – Creation Kit Beta nel menu a tendina.
  • Steam verrà riavviato. Dopo il riavvio, Skyrim sarà aggiornato alla versione Beta al momento disponibile.

Per annullare la partecipazione alla Beta, basta ripetere i passaggi appena elencati selezionando “Nessuno”.

Per fornire feedback sull’aggiornamento Beta, i nostri forum dedicati sono a disposizione.

Intervista sui mod per PC: SURE AI

Questa settimana parliamo con Johannes e Nicolas del team di modding Sure AI. Rispettivamente capo progetto e direttore creativo, i due ragazzi di Monaco stanno lavorando duramente alla loro total conversion di Skyrim, Enderal, che l’anno scorso ha vinto il premio Miglior mod in sviluppo su ModDB.com.

Se Sure AI (www.sureai.net) vi suona familiare, ne avevamo già parlato nell’ambito di Fallout 3, con il loro progetto Cube Experimental, e in merito a Oblivion, con il progetto Nehrim.

Leggete la nostra intervista…

Il Creation Kit è uscito quasi tre anni fa (febbraio 2012). Quanta sperimentazione è servita prima di pianificare Enderal?

Johannes: Quasi nulla. Abbiamo iniziato a pianificare Enderal in termini di obiettivi, storia, dinamica di gioco e scaletta di produzione senza ancora conoscere le reali possibilità del CK nell’ottobre del 2011, un mese prima dell’uscita di Skyrim. Ovviamente i primi risultati con il nuovo motore di gioco non erano molto presentabili e abbiamo dovuto rimetterci mano, e lo sviluppo effettivo di Enderal è poi cominciato in seguito all’uscita del Creation Kit.

Quante persone lavorano a Enderal?

Nicolas: Il team principale è composto da 14 persone, di cui almeno 8 si dedicano alacremente allo sviluppo. Poi abbiamo molti collaboratori esterni, principalmente grafici 3D, attori per le voci e uno studio di registrazione tedesco, 2day Productions, che ci aiuta con la localizzazione.

Continue reading full article ›

Intervista sui mod: Beyond Skyrim

Iniziamo l’anno con una nuova intervista relativa ai mod di Skyrim. Questa volta parliamo con Will Hillson, membro del team Dark Creations. Laureato nel Regno Unito, Will è un membro essenziale dell’ambizioso progetto di DC noto come “Beyond Skyrim”.

Di cosa si tratta? Scopritelo nelle prossime righe…

Puoi fornirci una panoramica su Beyond Skyrim e qualche informazione sullo stato del progetto?

Beyond Skyrim è una serie di mod interconnessi che permetterà ai giocatori di esplorare altre zone di Tamriel con il motore di Skyrim. Gli asset per ogni nuova regione sono creati da zero dai nostri grafici, compresi paesaggi, edifici, creature, armi, texture e oggetti. Siamo orgogliosi della fedeltà dimostrata all’universo di Elder Scrolls e il nostro obiettivo finale è di fornire al giocatore un’esperienza che si integri con Skyrim senza soluzione di continuità, permettendogli di proseguire l’avventura del personaggio in altri territori o perfino di non affrontare la storia principale di Skyrim e di esplorare ciò che le altre regioni di Tamriel hanno da offrire.

Continue reading full article ›

Il Natale si avvicina sempre più

Christmas_SkyrimL’aria si rinfresca e le vacanze si avvicinano. Questo significa che è il momento di scaldarsi davanti al fuoco e passare un po’ di tempo con familiari e amici. Vi auguriamo buone feste, in attesa di uno spettacolare 2015.

Tanti auguri a tutti e buon anno!

Adesso su PSN: il Mash-Up di Skyrim per Minecraft

Minecraft_PS3_SkyrimPack_SuperTitle_1024

I giocatori PlayStation possono ricreare ed espandere il mondo di Skyrim come mai prima d’ora con il pacchetto Mash-Up di Skyrim, ora disponibile per PlayStation 3, PlaysStation 4 e PlayStation Vita.

PS3Skyrim_Screenshot_13

Sviluppato dai nostri amici di 4J Studios, il Mash-Up offre un esclusivo set di texture a tema Skyrim, 40 skin per i personaggi, menu e interfaccia a tema, oggetti costruibili e più di 20 brani estratti dalla colonna sonora del gioco. Senza contare che il mondo precostruito contiene zone memorabili tra cui Whiterun, Riverwood e il Tumulo delle Cascate Tristi. Maggiori dettagli più avanti…

Skyrim Mash-Up  — Contenuti

  • Set di texture a tema Skyrim da usare in mondi nuovi o esistenti di Minecraft.
  • 40 skin di personaggi di Skyrim da applicare agli avatar in gioco: Sangue di Drago (uomo), Sangue di Drago (donna), Ancano, Elenwen, guerriero argoniano, mago argoniano, arciere bosmer, mago bosmer, mago bretone, sciamano Rinnegato, mago dunmer, assassino dunmer, soldato imperiale, Vex, mercante khajiiti, soldato Manto della Tempesta, Lydia, orco fabbro, orchessa guerriera, Nazir, Saadia, signore dei vampiri, Isran, Astrid, Aela la Cacciatrice, M’aiq il Bugiardo, Barbagrigia, troll del gelo, atronach della fiamma, sacerdote del drago, hagraven, signore della morte draugr, Sheogorath, spriggan, centurione nanico, Fatua Madre, signore dei dremora, maestro negromante, Vilkas, orco guerriero
  • Menu, interfaccia e inventario a tema Skyrim compreso il logo di Skyrim.
  • Musica di Skyrim con le seguenti tracce originali: Watch the Skies, Dragonborn, Awake, From Past To Present, The City Gates, Dragonsreach, Distant Horizons, Dawn, The Jerall Mountains, Secunda, Frostfall, Unbound, Far Horizons, The Streets of Whiterun, The White River, Standing Stones, Tundra, Journey’s End, Aurora, Solitude, Wind Guide You, Tooth and Claw, Into Darkness, Shadows and Echoes, Towers and Shadows, Death in the Darkness
  • Mondo già creato con le zone di Whiterun, Riverwood e Tumulo delle Cascate Tristi (su scala minore per rientrare nei limiti tecnici relativi alla grandezza della mappa di gioco)

PS3Skyrim_Screenshot_10

Il Mash-Up di Skyrim è disponibile (e scaricabile) sia per PlayStation sia per Xbox One e Xbox 360.