L’ultimo add-on di Dishonored è disponibile da oggi!

Siamo lieti di annunciare che Dishonored: Le Streghe di Brigmore, l’ultimo add-on per l’acclamato gioco d’azione in prima persona di Arkane Studios, è ora disponibile in tutto il mondo su Xbox LIVE (800 Microsoft Points) e su Steam (9,99 €). Il contenuto sarà disponibile anche su PlayStation Store, più tardi nel corso della giornata per il Nord America e domani in Europa. Inoltre, abbiamo appena pubblicato un nuovo trailer di gioco di questo add-on.

Ne Le Streghe di Brigmore continui il tuo viaggio nei panni di Daud, il leggendario assassino, concludendo la sua intricata storia iniziata con Il Pugnale di Dunwall. Dopo aver scoperto l’identità e le intenzioni di Delilah, leader della congrega delle streghe di Brigmore, inizi il tuo viaggio per impedirle di completare un oscuro rituale che ti condannerà. Dopo il tradimento della tua vice, Billie Lurk, dovrai fare affidamento sui membri di due fazioni in conflitto, le Anguille Morte e i Cappellai, per riuscire a raggiungere distretti di Dunwall mai visti prima e che ti porteranno alla roccaforte di Delilah. Indipendentemente dal modo in cui raggiungerai la tua destinazione, una cosa è certa: dovrai rispondere dei tuoi crimini e ricevere la misericordia (o la punizione) di Corvo Attano, guardia del corpo reale e assassino. Inoltre, con un file di salvataggio compatibile potrai usare i tuoi poteri, i potenziamenti, il livello di caos e le tue imprese provenienti da Il Pugnale di Dunwall.

Precedentemente, in Dishonored…

Non ricordi a che punto eravamo rimasti dopo la fine de Il Pugnale di Dunwall? Ecco una parte del diario di Thomas da Le Streghe di Brigmore (attenzione, contiene spoiler).

Tutti i nostri problemi hanno avuto origine da un nome: Delilah. Un mistero rivelato a Daud dal volto che vede in sogno e dalla voce che ode quando si inginocchia nei templi disseminati per la città. Nessuno di noi ha mai sentito quella voce, ma ne conosciamo il potere. Ha parlato al nostro maestro, gli ha detto che la sua fine era imminente e che l’unica via di fuga era la soluzione di questo enigma.

Non sapevamo nulla di Delilah, se non che avevamo trovato una baleniera dallo stesso nome. Un collegamento molto debole, ma non esistono le coincidenze quando c’è di mezzo la parola dell’Esterno. Abbiamo scoperto che alla nave era stato dato il nome di una donna che frequentava le sale della Dunwall Tower con Jessamine Kaldwin. In seguito era divenuta una pittrice, apprendista dello stesso Sokolov, finché non aveva trovato un mecenate aristocratico di nome Arnold Timsh.

Continue reading full article ›