FAQ aggiornate sulla prenotazione di Wolfenstein con la beta di DOOM

FAQ SULLA BETA DI DOOM – Queste informazioni sono soggette a modifiche senza preavviso. Consultare gli aggiornamenti.

HO APPENA PRENOTATO WOLFENSTEIN, DOV’È IL MIO CODICE PER LA BETA DI DOOM?
Il codice sarà indicato su un inserto incluso nella confezione della tua copia di Wolfenstein: The New Order quando il gioco uscirà, il 20 maggio. Una volta riscattato il codice, sarai registrato per partecipare alla beta di DOOM quando questa avrà inizio. Consulta wolfenstein.com/doom per informazioni aggiornate.”

DEVO SPECIFICARE QUALE PIATTAFORMA VOGLIO UTILIZZARE PER LA BETA DI DOOM?
No. L’accesso alla beta di DOOM è legato alla piattaforma della tua prenotazione di Wolfenstein: The New Order. Se acquisti la versione Xbox 360 o Xbox One di Wolfenstein: The New Order, riceverai un invito per la beta di DOOM su Xbox One. Chi invece acquista la versione PlayStation 3 o PlayStation 4, riceverà un invito per la beta di DOOM su PS4. Chi acquista la versione per PC riceverà un invito per la beta di DOOM su PC. La beta di DOOM sarà disponibile soltanto su Xbox One, PlayStation 4 e PC.”

SE PRENOTO LA VERSIONE DIGITALE DEL GIOCO, AVRÒ COMUNQUE ACCESSO ALLA BETA DI DOOM?
Stiamo collaborando con Steam, Microsoft e Sony per assicurarci che chi prenota la versione digitale da Steam, Microsoft e Sony abbia accesso alla beta di DOOM. La partecipazione di chi acquista tramite altri distributori digitali potrebbe variare. Per ulteriori informazioni ti consigliamo di contattare il tuo rivenditore di fiducia.” Continue reading full article ›

Wolfenstein | Annunciata la data d’uscita europea

Siamo lieti di annunciare che Wolfenstein: The New Order uscirà contemporaneamente in Nord America, Europa e Australia martedì 20 maggio 2014 e sarà disponibile per Xbox One, PlayStation 4, Xbox 360, PlayStation 3 e PC!

In via di sviluppo presso MachineGames, Wolfenstein: The New Order riporta in auge i fasti del videogioco universalmente riconosciuto come il padrino degli sparatutto in prima persona. Ambientato negli anni ’60 di un futuro ipotetico nel quale i nazisti hanno vinto la Seconda Guerra Mondiale grazie all’uso di misteriose tecnologie avanzate, Wolfenstein: The New Order invia il giocatore attraverso l’Europa, con lo scopo di annientare la macchina bellica nazista.

Chi prenota il gioco in anticipo riceverà come bonus un invito alla beta di DOOM incluso nella confezione di gioco. Ulteriori informazioni sul bonus di prenotazione per l’accesso alla beta di DOOM, termini vigenti e restrizioni, sono disponibili sul sito www.wolfenstein.com/doom.

Ulteriori informazioni sul gioco disponibili sul sito www.wolfenstein.com.

20 anni di The Elder Scrolls

I prodotti di intrattenimento che durano più di vent’anni non sono tanti. È una gioia essere uno di questi. Quando mi guardo indietro e rivivo i decenni trascorsi presso Bethesda, penso a quanto siamo stati fortunati a tenere insieme un gruppo che esiste tuttora – da un punto di vista sia qualitativo sia quantitativo – e in grado di creare giochi che amiamo.

Ciò che ha reso la serie così longeva è non avere semplicemente aggiunto qualcosa al gioco precedente, ma aver cominciato ogni volta tutto da capo. Il nostro desiderio era creare un gioco unico, che avesse un’anima sua. Con gli anni, la tecnologia è cambiata, noi siamo cambiati, voi siete cambiati. Ma l’obiettivo è rimasto lo stesso: creare un gioco capace di portarvi in un altro luogo. Un gioco che vi trasmettesse l’idea di avere infinite possibilità. Un mondo che avreste fatto vostro.

Il collante di tutto è la collaborazione con voi, i nostri fan. Il sostegno che ci date è fantastico. Il vostro feedback, sia positivo sia negativo, ci ha resi migliori. Quando trascorri così tante ore nell’arco di così tanti anni su una certa cosa, questa diventa parte di te. È stato sicuramente così per noi e sappiamo che lo è stato anche per molti di voi.

Sono innumerevoli i ricordi che ci confermano quanto questa serie abbia significato per noi e per voi. Ma ce n’è uno in particolare. Quando stavamo sviluppando Skyrim, prima che venisse annunciato, abbiamo ricevuto la visita di un giovane tramite la Make-A-Wish Foundation. Quel giorno, nella nostra zona, la fondazione aveva organizzato vari incontri per altrettanti ragazzi con personalità come il presidente Obama e Spider-Man. Questo ragazzo scelse noi. Il suo desiderio era vedere il nuovo gioco della serie The Elder Scrolls. È stata la prima persona, a eccezione del team, a giocare a Skyrim.

Perciò, non riguardava la serie in sé, ma l’esperienza legata a essa. Esperienze importanti. Certo, sono solo videogiochi o fonti di divertimento… ma il fulcro della questione è come impieghiamo il nostro tempo. Le esperienze migliori possono regalare la meraviglia della scoperta e l’orgoglio del risultato. Il fatto che abbiate trascorso così tante ore in questi mondi e ci abbiate sostenuto titolo dopo titolo, per noi è impagabile.

Ora, la serie The Elder Scrolls è pronta a intraprendere un nuovo viaggio… online. I talenti di Zenimax Online hanno infuso nel gioco la stessa passione che abbiamo infuso nei nostri. E, alla stregua degli altri titoli, saprà distinguersi. Ci auguriamo che possiate dare loro lo stesso sostegno e lo stesso feedback che avete dato a noi per così tanto tempo.

Dove sarà la serie tra vent’anni? Solo il tempo ce lo dirà. Ma io so che continuerà a essere una straordinaria esperienza condivisa con voi. E che non vediamo l’ora di giocare.

Fino allora, i nostri più cordiali e sinceri saluti.

Todd Howard
Direttore di gioco
Bethesda Game Studios

Hands-on con Wolfenstein: The New Order

Negli scorsi giorni diversi giornalisti hanno avuto modo di provare una lunga demo del gioco riguardante i primi capitoli.

Tutti si sono divertiti parecchio ed ecco le loro impressioni:

Spaziogames.it – “Questo titolo che ci è parso capace di coniugare il classicismo con la modernità, con un risultato che va al di là delle nostre aspettative iniziali. Di certo, The New Order ci dà delle buone motivazioni per premere il grilletto, e questo aspetto – spesso trascurato negli FPS – è enormemente positivo. Attendiamo dunque l’arrivo del gioco, nella speranza che il ritmo si mantenga alto ed appassionante come nelle prime tre ore.”

Multiplayer.it – “Wolfenstein: The New Order è un gioco dedicato a tutti quanti quelli che sbuffano quando, guardando le uscite dei mesi seguenti, iniziano ad intravedere nomi come Call of Duty e Battlefield. Il ritorno sugli schermi del soldato B.J. Blazkowicz, protagonista storico della serie, non poteva che essere all’insegna delle sparatorie frenetiche, di un tono tutt’altro che serio (e serioso) ma soprattutto di un buon equilibrio tra una formula immediata ed un certo impegno richiesto.”

Gamesvillage.it – “Nel corso delle tre ore abbondanti passate a giocare a Wolfenstein: The New Order gli altri colleghi giornalisti presenti hanno dovuto sorbirsi gli improperi e i rant di un tizio corpulento seduto al PC, che sbatteva il mouse sul tavolo quando moriva per un errore da pivello (spesso), che imprecava quando ne prendeva troppe (spesso), che insultava i nazisti quando riusciva a farli fuori (spesso), e che si lasciava andare a improbabili  autocelebrazioni quando gli riusciva qualche colpo particolarmente di classe (rarissimamente). Una scena imbarazzante per tutti i presenti – me ne rendo conto – ma che testimonia soprattutto una cosa: che per tre ore e mezza mi sono divertito un sacco.”

Gamemag.it – “The New Order si rivela, dopo questo hands-on, un gioco molto promettente, con uno stile visivo interessante, meccaniche di fuoco realistiche, narrazione di personalità, ottima grafica, e soprattutto, sembra essere dannatamente divertente.”

Gamesurf.it – “Wolfenstein: The New Order compie una scelta coraggiosa, ovvero ricostruire da zero il gameplay, lasciando da parte la tradizione in favore di un’esperienza più articolata e piacevolmente aperta alle decisioni dell’utente.”

Everyeye.it – “La nostra prova diretta di Wolfenstein: The New Order ha rivelato un seguito caratterizzato da una predominanza della componente narrativa, apparentemente interessante, e da un gameplay molto solido. Tra omaggi ai classici dello sparatutto e una propensione a lasciare ampia libertà al giocatore relativamente agli approcci, nel complesso il lavoro degli sviluppatori ci ha convinto.”

Eurogamer.it – “Wolfenstein: The New Order è un prodotto interessante, studiato per soddisfare sia gli amanti degli sparatutto, sia quelli di esperienze un po’ più narrative. Il riproporre alcuni elementi caduti in disuso su di un impianto più moderno potrebbe essere un mix interessante, per certi versi originale. Se gli sviluppatori riusciranno a mantenere alto il ritmo e il tasso di spettacolarità per tutto l’arco della storia, il prodotto MachineGames potrebbe essere una piacevole sorpresa.”

Ignitalia.it – “Il ruolo di The New Order quale ultimo esponente di pura razza Wolfenstein sarebbe quello di offrire, oltre alle solite azioni di guerra più o meno intense e spettacolari, anche emozioni di vita sia reali che virtuali.”

Videogame.it – “Blazkowicz è infatti una sorta di one-man-army, un’icona pop che falcia nazisti impugnando dei mitragliatori automatici con entrambe le mani mentre si fa largo tra le orde di aberrazioni genetiche, milizie robotiche e inquietanti contaminazioni meccaniche tra un tagliaerba e il miglior amico dell’uomo: per rievocare l’esempio usato nell’introduzione, un John McClane prestato action bellico. O forse, per meglio rendere le fattezze del nostro eroe sarebbe meglio richiamare un’altra figura iconica del nostro tempo, il wrestler John Cena (forse un po’ dimenticato dalle nostre parti, ma ancora idolo tra i più giovani oltre oceano) con cui condivide la mascella squadrata, il volto fiero e l’aria del bravo ragazzone di campagna dal nobile cuore.”

Fantasymagazine.it – “Il ritorno di un classico della storia dei videogame. Una miscela di azione e avventura, di fantastico e diesel-punk proposta da Bethesda Softworks.”

Wired.it – “Wolfenstein: The New Order è uno sparatutto tamarro e adrenalinico con il potenziale per divertire parecchio”

Wolfenstein Vine

Dopo aver annunciato la data di uscita di Wolfenstein, abbiamo pensato di svelarvi un po’ di filmati del gioco. Ammirate un breve video che abbiamo pubblicato su Bethesda Vine e restate sintonizzati per altri aggiornamenti sul gioco.

ESO ‘Ask Us Anything’: Variety Pack 12

L’ultimo articolo di ESO ‘Ask Us Anything’ risponde a una serie di nuove domande sul gioco, soprattutto riguardanti il nostro annuncio dell’Imperial Edition. Ecco un estratto:

Le persone che ordinano l’Imperial Edition hanno dei vantaggi rispetto a coloro che non la ordinano?

No. Con l’Imperial Edition puoi giocare nei panni di un ribelle imperiale che ha rifiutato l’adorazione dei daedra e ricevi abilità razziali che, a livello di gioco, sono pari a quelle di altre razze. In qualità di imperiale, ottieni una cavalcatura e l’abilità di creare oggetti in stile imperiale. Tutte le razze non imperiali possono imparare tale abilità dopo aver individuato il tema razziale corrispondente. Gli imperiali non iniziano il gioco in un unico punto di partenza o attraverso una missione dedicata, ma possono farlo in qualsiasi alleanza in qualità di reietti non allineati alla propria provincia. Essere un imperiale significa avere un ramo di abilità razziali che offre opportunità di gioco uniche, ma non un vantaggio di gioco in senso stretto. Rappresenta, inoltre, la possibilità di avere un aspetto esteriore che risalti nelle terre di Tamriel.

I benefici di gioco di questa edizione speciale sono stati progettati per evitare vantaggi ingiusti nei confronti di coloro che non l’hanno acquistata. Si tratta di contenuti molto interessanti studiati per i nostri fan più accaniti, che desiderano possedere qualcosa di diverso dalle altre Collector’s Edition sul mercato. L’unica alternativa sarebbe stata di presentare una Collector’s Edition priva di oggetti in gioco. Tuttavia, ci sembrava poco corretto nei confronti di fan che non vedono l’ora di provare il gioco e avere qualche oggetto speciale e, soprattutto, digitale.

Scoprite di più sull’Imperial Edition e sul gioco all’indirizzo www.elderscrollsonline.com.

Domande e risposte su ESO su PlayStation Blog

Questa settimana su PlayStation Blog, il direttore di gioco di ESO Matt Firor risponde alle domande degli utenti PS4 su PlayStation Plus, controller DualShock 4 e altro ancora. Ecco un esempio…

@maheirem Le zone istanziate PvE, come i dungeon, prevedono una modalità per giocatore singolo?

The Elder Scrolls Online è un MMO progettato per dare al giocatore la libertà di giocare da solo o con gli altri. Detto questo, vi sono zone progettate specificatamente per essere affrontate insieme agli amici.

Volete altre risposte? Fate un salto su PS Blog qui (in inglese).